I principali esercizi per gli addominali

1) Stendersi a terra in posizione supina, con le ginocchia piegate, le mani dietro la nuca, e i gomiti ben aperti. Senza intrecciare le dita delle mani, per evitare di spingere la testa senza volere, bisogna solo poggiare le mani sulla nuca, distanziate, senza esercitare pressione. Contrarre l’addome e salire verso le ginocchia, senza scatti anomali, con lo sguardo rivolto verso l’alto. La posizione va tenuta per qualche secondo, poi inizia la discesa, che dev’essere lenta, non a scatti. Ripetere l’esercizio ponendo sempre attenzione agli aspetti più importanti: la respirazione, i gomiti aperti e il collo ben disteso.

2) Questo esercizio serve per far lavorare i muscoli laterali, e per togliere le maniglie dell’amore. La posizione è la stessa dell’esercizio precedente, ma una volta saliti verso il centro bisogna mantenere la contrazione e ruotare il busto verso destra, poi tornare al centro e ruotarlo verso sinistra, poi infine tornare ancora al centro e poi giù. Da tenere ben presente: la respirazione, la schiena non deve curvare per nessun motivo, bisogna stare attenti a non muovere solamente il collo.

3) Si parte ancora dalla stessa posizione, poi si esercitano direttamente gli addominali obliqui, senza passare per il centro: il braccio sinistro dev’essere aperto verso terra, il destro rimane dietro la nuca, poi si porta il gomito destro verso il ginocchio sinistro, si scende e si ripete l’esecuzione. Poi naturalmente si inverte la posizione e si cura anche la parte opposta. Da tenere presente che non dev’essere solo il gomito a muoversi, ma tutta la parte addominale deve contrarsi nel modo corretto.

4) Sempre in posizione supina, fare “la bicicletta” con le gambe appena sollevate da terra, in modo che si senta l’addome ben contratto. Le mani sono dietro dietro la nuca, e quando il ginocchio sinistro è piegato bisogna avvicinare il gomito destro, e viceversa. Da tenere presente: non bisogna sollevare troppo le gambe, e la schiena va tenuta ben aderente al terreno, per evitare di inarcarla.

Argomenti correlati: